Leggere il presente per scrivere il futuro
Sei in: Home  /  Press  /  Dettaglio

Dettaglio

COMUNICATI STAMPA
Torna indietro

22 Dicembre 2015

Fianziamenti: concessionarie o banche e finanziarie?

Inchiesta di Quattroruote sui finanziamenti usato

Richiedere un prestito per l’acquisto di un’automobile di seconda mano è un fenomeno sempre più rilevante in Italia: l’Assofin (Associazione italiana del credito al consumo e immobiliare) stima un’erogazione a questo di oltre 1,86 miliardi di euro nei soli primi nove mesi del 2015. Un’inchiesta di Quattroruote, pubblicata nel nuovo numero in edicola da mercoledì 23 dicembre, prende in rassegna le varie opzioni in cui un potenziale acquirente, alla ricerca di un finanziamento di 5, 10 o 15 mila euro, s’imbatte, sollevando un dubbio frequente: meglio accettare le proposte delle concessionarie o rivolgersi a banche e finanziarie?

I risultati sono sorprendenti: in otto casi su dodici le migliori condizioni offerte dalle società specializzate sono risultate più convenienti di quelle proposte dalle case automobilistiche. Per i 5 e 10 mila euro, da rimborsare in 36 mesi, è stata Santander Consumer Bank a offrire il Taeg migliore (6,91 e 6,75%). Salendo a 15 mila euro (da rimborsare in 48 mesi) i risultati, invece, cambiano perché le tre concessionarie interpellate (delle reti BMW, Mercedes-Benz e Volvo) si sono dimostrate più vantaggiose rispetto a banche e finanziarie.

Il gap registrato viene motivato dalla difficoltà di ottenere presso le concessionarie una semplice erogazione del finanziamento: sono molti, infatti, i servizi accessori che vengono compresi nelle proposte, causando un aumento considerevole del Taeg. È quanto verificato dagli inviati della rivista nelle reti Peugeot, Renault, Opel, Nissan e Mercedes-Benz. Nessuna condizione particolare, invece, alla Toyota, alla Volkswagen, alla BMW e alla Volvo.

CONTATTI

Editoriale Domus

Via Gianni Mazzocchi 1/3,
20089 Rozzano (MI), Italia

+39.02.82472.525

Ufficio Stampa

Elisabetta Prosdocimi

+39.338.3548515

RICERCA COMUNICATI

> annulla ricerca